logo_fps.jpg (3286 byte)

 

 

Ai Colleghi dell’ESAF e del Comparto Regione/Enti

Al Commissario Straordinario per l’emergenza idrica in Sardegna

All’Assessore ai LL.PP.

All’Amministrazione ESAF

Oggetto: SCIOPERO GENERALE DEI SERVIZI IDRICI REGIONALI.

La scrivente O.S., alla luce della lunga vertenza sulla riforma del servizio idropotabile regionale che fino ad oggi non ha prodotto nessun risultato utile alla salvaguardia degli attuali soggetti gestori appositamente preposti;
Considerato che le numerose iniziative sindacali incentrate al tentativo di aprire un dialogo utile con la controparte politica non hanno dato esiti positivi, ma al contrario questa continua a produrre Ordinanze Commissariali prive di ogni confronto con le parti sociali che pongono a serio rischio la sopravvivenza degli attuali soggetti gestori ed in particolare l’ESAF;
Valutata l’inerzia del Consiglio Regionale nel produrre iniziative di legge utili alla soluzione del caso, e della Giunta nell’elezione democratica dell’Autorità d’Ambito;
Considerato che il personale di ruolo degli attuali soggetti gestori rivendica una precisa norma di garanzia sul "diritto di opzione" come sancito dalla L.R. 29/97;
Tenuto infine conto che si è oramai giunti alle porte di una nuova stagione estiva, e a tutt’oggi ancora non si sa chi gestirà il servizio idrico regionale a partire dal prossimo Luglio.
Per tutti questi motivi i lavoratori CISL FPS SINDER dell’ESAF aderiscono allo

SCIOPERO GENERALE DEI SERVIZI IDRICI REGIONALI

 

CAGLIARI MARTEDI 29 APRILE – CONSIGLIO REGIONALE

Per costringere i responsabili politici ad attivare urgentemente concrete iniziative utili al fine di risolvere positivamente la vertenza "acqua", i lavoratori del Comparto Regione ed Enti sono chiamati ad una forte partecipazione alla manifestazione che accompagnerà lo sciopero, nell’interesse di tutti i cittadini e dei lavoratori del settore idropotabile regionale.

Il Segretario generale                                                    Il Segretario ESAF-Cisl
(Massimo Rocchitta)                                                           (Massimo Todde)

Cagliari, 15 Aprile 2003            Prot. 405